BazanPhotos
Photography by Ernesto Bazan
  galleries
Gruppo Emotionally Attached

All’inizio dei nostri tour quotidiani nella valle Sacra con le Ande innevate come sfondo, ho chiesto ai miei studenti di lasciarmi occupare il sedile anteriore. Non l’ho fatto per avere una vista migliore di questo grande spettacolo naturale. Ho spiegato che da lì riesco a vedere meglio alcune delle epifanie di vita quotidiana che si dipanano davanti a noi. Con la coda dell’occhio ho visto un’altra scannatura di maiali che ci ha poi dato l’invito a casa della gente il giorno della festa; da lì ho visto le donne che coloravano la loro lana immergendola in grandi pentoloni fumanti pieni di foglie d’eucaliptus.

L’anno scorso, ho avuto il coraggio di affermare che il workshop peruviano era stato il migliore. Adesso mi chiedo se la gente mi crederà mai se quest’anno dirò che questo è stato di gran lunga superiore. Ma dato che posso contare sulle belle foto scattate dai miei studenti e dai loro commenti, avrò l’audacia d’affermarlo.

Più insegno, più ritorno negli stessi posti, più mi rendo conto dell’importanza della mia predicazione che bisogna ritornare negli stessi luoghi non solo perché saranno sempre diversi e offriranno una miriade di nuove opportunità fotografiche, ma anche perché la conoscenza di ciò che ci si aspetta di fotografare aiuterà me e i miei studenti a scattare foto migliori.

Durante il mio quarto workshop in Perù, ho guidato, mai come prima, i miei studenti a cercare momenti speciali da catturare in immagini. Mi sento benedetto e non lo do per scontato: so, nel più profondo dell’anima, che è destinato che sia così.

Il motivo per cui abbiamo chiamato il gruppo Emotivamente Attaccati non richiede spiegazione. NOI, i fotografi, abbiamo questa tendenza ad essere così. Non ho ancora potuto vedere le mie foto e probabilmente sarò legato emotivamente ad alcune di loro, ma solamente ammirando il lavoro dei miei studenti sono portato ad essere ottimista. Vedremo! Come posso ad ogni modo dimenticare i magici momenti che abbiamo avuto il privilegio di presenziare giornalmente? Ricordo ancora vividamente quando io e Luda ci siamo trovati davanti ai nostri occhi quelle due bambinette leccando e masticando rispettivamente un lecca lecca e una gomma da masticare con quelle espressioni intense sui loro volti, mentre dietro dei ballerini incappucciati spargevano una nuvola d’incenso verso il cielo. E come dimenticare il lama nell’angolo a destra in alto che ci continuava a guardare come se dicesse, Per piacere fotografatemi, non mi lasciate fuori. Semplici momenti magici che ci fanno apprezzare la vita attorno a noi.

Di di questa situazione, durante le sessioni d’editing, Luda aveva quattro buone foto fra cui scegliere. Non è stato facile prendere una decisione, ma alla fine ne abbiamo scelta una. Andate a dare un’occhiata alla foto per piacere e giudicate voi.

Comparate alle fotografie scattate da Ludmila durante lo scorso workshop della Pasqua in Sicilia, il suo nuovo lavoro è molto più complesso e intimo. Lei lo sa e sorride.

Posso dire anche di sentirmi molto orgoglioso delle immagini create da Chad e Giorgio. Alla fine di questi dieci gironi memorabili, gli ho detto di guardare alle nuove foto e di paragonarle con quelle che avevano portato. Chad mi ha già detto che ritornerà il prossimo anno.

Giorgio mi ha scelto come suo mentore. Nei prossimi sei mesi seguirà  altri quattro workshop e prenderà delle lezioni private d’editing.

La vita non è mai la stessa e neanche le nostre foto. Vi prego di ricordarvelo: è uno dei segreti più intimi della fotografia di strada.

Ernesto Bazan

Copyright © 1973-2013 All photographs and content by Ernesto Bazan. All rights reserved.